Skip to main content

Sabato 23 febbraio 2019 Artigianato Fotografico ha ospitato il Contest di fotografia istantanea, nato dalla idea di un giovane creativo di 19 anni Salvatore Ruberti conosciuto con lo pseudonimo di Polachic.

Artigianato-Fotografico-Contest-Polachic

Una giornata intensa con una grande partecipazione giovanile, 13 iscritti votati da una giuria tecnica ed una giuria popolare.
Il clima era sereno e di reale condivisione, Salvatore ha spiegato prima di iniziare il procedimento della doppia esposizione, obbligatorio tra i 4 scatti da esporre.
C’erano due modelli ed i partecipanti hanno potuto usare la sala posa e tutta la strumentazione disponibile nello studio di Artigianato Fotografico. Da sottofondo un giradischi e vinili che suonavano Pino Daniele, Neffa, Pink Floyd, Led Zeppelin.

Abbiamo notato come ognuno ha scattato in base alla propria personalità senza farsi influenzare dagli altri partecipanti.

Artigianato-Fotografico-Contest-Polachic

Diversi sono i fotografi che hanno utilizzato questo strumento e applicato la tecnica della doppia esposizione realizzando dei capolavori artistici.

Utilizzare le Polaroid per fare arte!

Il mondo di Polachic.

Si tratta di un mondo alternativo alla quotidianità. L’espressione artistica controcorrente di un giovane che salta gli schemi. A volte li sconvolge e ti travolge senza che tu te ne accorga facendoti cadere in un universo parallelo.
L’estro artistico non conosce un vero confine ed è facile lasciarsi coinvolgere. Più di 60 persone lo hanno fatto e ne sono rimasti entusiasti.

Artigianato-Fotografico-Contest-Polachic

Per saperne di più su Polachic

L’utilizzo delle Polaroid in campo artistico non è una cosa di tutti i giorni e, nell’era del digitale, stampare su dei quadrati di carta sembra una cosa di un altro mondo.
Diversi sono i fotografi che hanno utilizzato questo strumento e applicato la tecnica della doppia esposizione realizzando dei capolavori artistici.

/ le foto di questo articolo sono di Alessandro Lauritano

Maurizio Galimberti

Tra i nomi più illustri spicca un italiano. Maurizio Galimberti nel 1983, inizia ad usare come strumento principale la Polaroid. Il fatto stesso che il risultato si ottiene quasi in tempo reale e la successiva possibilità di “manipolazione” gli fa prediligere questa tecnica.
Galimberti crea il mosaico fotografico, la forma artistica per cui è noto in tutto il mondo.
L’artista utilizza la Polaroid scomponendo e ricomponendo l’immagine in mosaici per ricreare la stessa, reinterpretandola. Applica questa tecnica anche nella ritrattistica di personaggi famosi come Johnny Depp, Lady Gaga e Robert De Niro.

Ecco come nasce un mosaico.

Il sito ufficiale di Maurizio Galimberti.

Tonia Capriello

Author Tonia Capriello

More posts by Tonia Capriello