Skip to main content

Sabato 6 ottobre 2018 si è svolto un laboratorio in camera oscura sui fotogrammi.

dscf4711

Si può scattare una foto senza macchina fotografica?
Bhe sì, è dimostrato che se una foto è quello che puoi fare con la luce allora sì,
se hai un’idea ben precisa, hai degli oggetti, una carta ai sali d’argento, una luce ed una camera oscura puoi!dscf4701

Volevo iniziare a parlare del tempo, del concetto di secondo, perchè al laboratorio un papà ed una bambina di 8 anni si sono presentati con una clessidra ed io ero stupita di quanto questa coincidenza non lo fosse.

Il tempo è tutto in una camera oscura ma anche nella nostra vita, di questo ne ho già parlato, sul tempo condiviso, sul tempo che può diventare poesia.

DSCF4708

Sono così felice di quello che è successo sabato che mi sto perdendo e non riesco a spiegarmi bene quindi vi lascio alle parole di Grazia che è una donna speciale che ho conosciuto grazie al mio studio ed un amico in comune, lei ieri (domenica sera) mi ha mandato un file pregno di belle parole che non volevo pubblicare perchè mi sembrava poco modesto, ma lei ha insistito sul farlo leggere a chi mi segue.

Le parole che seguono non sono mie ma di Grazia Martin

<<Fidarsi. Fidarsi a volte non è facile. Fidarsi delle proprie capacità, del giudizio altrui, dell’altro. Artigianato Fotografico è nato da un sogno. Il sogno di Tonia Capriello. In Artigianato tutto risente della sua personalità.

Tonia ha avuto coraggio. Ha avuto forza. Ha avuto tenacia.

Se penso a come definire l’esperienza che abbiamo vissuto ieri, in camera oscura, la definisco come un’esperienza di vita.

È inutile barare: non era la prima volta che entravo in camera oscura. Posso dire con una certa fierezza di essere una degli affezionati di Artigianato Fotografico. Conosco questo spazio, questo progetto, fin dai suoi primi mesi di vita. Con Tonia c’è stato subito un buon feeling, una buona amicizia. Artigianato Fotografico è un posto dove arrivi un po’ per caso, un po’ per curiosità, e subito ti rilassi. Ti senti a casa: il bellissimo spazio, l’atmosfera accogliente, il sorriso, e Tonia. La camera oscura per me è stata sempre un po’ il luogo delle meraviglie, delle magie, ma anche un posto estremamente familiare, semplice. Penso che non si possa capire la camera oscura se non si prova. La camera oscura è un’emozione fisica. Per quanto si possa spiegare il procedimento di sviluppo è diverso da farlo: l’odore dei chimici appena si entra, la luce rossa, il tempo che vola, che va via.

img 2920

Dicevo di ieri: mi sono trovata con un gruppo di persone in camera oscura, e prima d’entrare, ad eccezione di me e Tonia, non ci conoscevamo. Stare lì, vedere delle persone che con dei semplici oggetti, un ingranditore e dei fogli fotosensibili creavano delle forme, tiravano fuori un po’ della loro creatività, un po’ di sé, ci ha unito. Tutti progettavano con gli oggetti le proprie immagini sull’ingranditore. C’è chi si è portato da casa una clessidra, chi ha voluto immortalare una collana, chi un crocifisso, chi ha raccolto cose che si trovavano lì. Si pensava, si studiava attentamente come sarebbero venuti i contrasti in bianco e nero, si ragionava tra di noi, si ripensava a quello che avevamo già ideato: “Viene bene o male?” Tonia incoraggiava, sosteneva, suggeriva, lasciando sempre la massima libertà. Abbiamo passato alcune ore in camera oscura, parlando del più e del meno, ci siamo raccontati, abbiamo scoperto che fidarsi, anche quando si tratta dei consigli di un’amabile professionista, non è sempre facile, ma fidarsi spesso aiuta, fa bene, fa venire le cose meglio. Poi c’è stata la magia, la meraviglia: le immagini impresse dalla luce sulla lastra sono state immerse nei chimici per lo sviluppo e pian piano hanno preso consistenza. Quelle immagini erano bellissime, perché erano nostre. Erano frutto del proprio ingegno e del pensiero condiviso.

img 2916

La camera oscura crea unione. Serve a condividere sensazioni. Emozioni. La camera oscura è un‘esperienza di vita >>.

 

dscf4672

Tonia Capriello

Author Tonia Capriello

More posts by Tonia Capriello

Join the discussion One Comment